Ricchezza:ma bisogna essere per forza milionari?

In questi giorni riflettevo un pò su cosa voleva dire per me essere ricco e mi sono chiesto se se avessi la fortuna di vincere una grossa cifra al superenalotto avrei continuato a fare quello che faccio. Sia con il mio lavoro di consulente informatico che con vividavvero.net.

Ne è uscito una sorpresa che neanche io mi sarei aspettato perchè credevo che quello che facevo lo facevo solo per portare a casa lo stipendio…certo è importante ma mi sono reso conto che lo farei comunque indipendentemente dalla mia situazione economica perchè semplicemente amo farlo.

Io semplicemente credo che quello che sto facendo possa essere utile alle altre persone e questo mi arricchisce di più di ogni altra cosa. Il pensiero di dare una mano a risvegliare le coscienze dal loro sonno ipnotico per me è una cosa che faccio con piacere perchè credo in un futuro migliore, diverso da quello che ci continuano ad intortare i mass media.

Certo questo è un momento difficile ma credo fortemente che chi ha voglia di fare, chi ha voglia di contribuire per il bene comune sicuramente ha tutte le carte in regola per avere successo e crearsi la propria felicità.

In uno scambio di mail con un mio lettore è venuto fuori di come è facile farsi influenzare dagli altri e dalla situazione che c’è nel mondo. Certo io ci credo in questo tipo di influenza, ma credo anche che finisce laddove non permettiamo più che agisca su di noi, nel senso che se diciamo basta e facciamo quello che vogliamo noi, allora lì finisce il suo potere. Certo sarà un pò più difficile ma non impossibile.

Infatti persone e aziende che hanno scelto di tenere duro e distinguersi cogliendo le nuove opportunità che nascevano sul mercato, sono sopravvisute o hanno avuto un successo straordinario perchè si sono adeguate ai tempi che cambiano.

Non è più il tempo in cui aprivi un negozio e la gente entrava e comprava, ora devi sempre dare il meglio di te e far vedere che sei bravo se no semplicemente i clienti vanno da un’altro. E per trovare i clienti ci sono nuovi strumenti soprattutto online che hanno dimostrato di essere efficaci.

Quindi per aumentare il proprio tenore di vita e le proprie entrate devi entrare nell’ottica di darti da fare ed essere aperto alle nuove occasioni che magari senza che te lo aspetti possono realmente cambiare la tua vita.

Io personalmente da quando ho aperto vividavvero.net sono cambiato, vedo opportunità di businness laddove prima non riuscivo a vedere e molte volte opportunità vengono a cercare me. Sarà perchè sono cambiato io o perchè è cambiato il mondo intorno a me?  Tu cosa dici?

Stay tuned

4 commenti
  1. Umberto
    Umberto dice:

    Complimenti Marco hai proprio fatto centro, per essere davvero ricchi non bisogna necessariamente diventare milionari.
    Se lo diventi ma non ne capisci i motivi o non hai un nobile scopo finale, sarai sempre e comunque una persona povera dentro, e tutti i soldi del mondo non potranno mai riempire questo vuoto.
    Per quanto riguarda l’influenza concordo pienamente con quanto dici e leggendo le tue righe mi è venuta in mente un’intervista fatta alla famosa cantante Rihanna.
    Si parlava di razzismo e lei disse che le intolleranze sono sempre esistite e sempre esisteranno, l’unica cosa che si può fare è ignorare le persone che ti insultano ed evitare di farsi influenzare dalla loro ignoranza: il razzismo esiste solo se ti offendi e subisci, ma se fai finta di niente e sei superiore, allora esso ritorna indietro senza toccarti minimamente.
    Lo stesso vale per qualsiasi situazione economica: se i mass media fanno catastrofismo come al solito, tu devi semplicemente ignorarli o prenderli per quello che sono, ovvero mezzi d’informazione di massa.
    Ma attenzione a non farsi influenzare da questo e a non prenderla sul piano personale, altrimenti subirai le conseguenze di questa restrittezza mentale.
    Quello che devi fare è accettare ciò che viene detto senza considerarlo come verità assoluta: dicono che c’è crisi?
    “Ok benissimo, chissenefrega dirai tu, la crisi riguarda l’economia mondiale e non direttamente la mia.”
    Con un atteggiamento del genere arriverai al punto che descrive Marco: lavorerai perchè è un piacere e non per lo stipendio, vedrai opportunità che prima non vedevi e addirittura ad un certo punto saranno loro a venire verso di te, le attirerai come fossero calamite (legge d’attrazione).

    Rispondi
  2. Marco Ferraro
    Marco Ferraro dice:

    Umberto Grazie per il tuo contributo, con il tuo commento hai dato un bel valore aggiunto e conferma ulteriore di quanto ho scritto nel mio articolo. Grazie!!! 🙂
    Un caloroso saluto

    Rispondi
  3. BARBARA
    BARBARA dice:

    Concordo pienamente, caro Marco: la vera ricchezza, non è solo economica! Certo la prosperità aiuta, ma ciò che davvero conta è riuscire a trovare un proprio equilibrio interiore efare ciò in cui si crede e che ci fa stare meglio. E se poi aiuta anche gli altri…beh, abbiamo proprio fatto centro!

    http://www.megliosipuo.com
    Barbara

    Rispondi
  4. Eugenio
    Eugenio dice:

    Purtroppo sin dalla nascita veniamo sommersi da una serie di condizionamenti (famiglia, scuola, religione, politica, amicizie, luoghi comuni, ecc.), che ci fanno credere che la ricchezza sia un fatto negativo, peccaminoso e addirittura da evitare, quasi fosse in contraddizione con salute e spiritualità; io penso che desiderare ricchezza non sia assolutamente un fatto negativo. L’importante è come si sta spiritualmente!
    Eugenio

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *