legge dell’attrazione: la magia della gratitudine

In questo periodo natalizio è più facile essere più buoni ed è più facile sotto certi aspetti rendersi conto delle belle cose o delle fortune che si hanno. Questo perchè a volte non c’è cosa più bella di avere una famiglia con cui passare le feste e magari dimenticare per un momento i dissapori che ci sono per ricordarsi quanto valore hanno.

Molto spesso incomprensioni, o semplicemente la volontà di imporre i propri desideri agli altri pensando di essere nel giusto o di fare del bene o la felicità altrui, generano conflitti semplicemente per la mancanza di comunicazione e soprattuto ascolto.

Ma a volte questo non basta e bisogna fare uno sforzo per perdonare se non fisicamente anche mentalmente e ringraziare Dio per le persone che ci fa incontrare che siano parenti, amici o colleghi di lavoro. Ringraziare anche per una sana litigata fra persone che comunque si vogliono bene ma non si comprendono o perchè ognuno ha le proprie idee.

Forse non ti rendi conto quale potere magico ha la gratitudine e di come questa può veramente far arrivare miracoli che siano essi piccoli o grandi.

Qualche mese fa ho finito di leggere un’altro libro di Joe Vitale “Expect Miracles” e uno dei punti in cui l’autore spingeva l’acceleratore era proprio la gratitudine. All’inizio non capivo il perchè, anzi ti confesso da quando ho visto “the Secret” non capivo proprio come la gratidudine poteva miracolosamente cambiare la mia vita. Ero proprio scettico!

Ma poi approfondendo l’argomento legge di attrazione e sperimentando sulla mia pelle mi sono accorto che quello che proponeva l’autore era fondamentale per due motivi:

  1. Fisico ed energetico. l’atteggiamento e pensieri di gratitudine vibrano a frequenze più elevate e quindi entrano in risonanza con le cose e pensieri che vibrano alla stessa maniera (vedi abbondanza, felicità, salute, amore)

  2. Spirituale e mentale. Se sei grato di quello che già hai ti poni nel confronto dell’universo con un’atteggiamento propositivo e l’universo te ne dà ancora di più, e mentalmente la tua autostima cresce e hai più fiducia per chiedere ancora di più senza il pensiero di meritartelo o no. Sai già di meritartelo.

Quindi in questi giorni di festa che si avvicinano prendi l’occasione di fermarti un’attimo e prendi carta e penna. Segna ogni giorno le cose per cui sei grato, anche la più piccola sciocchezza, come avere il dentrificio e lo spazzolino per lavarti i denti tutti giorni, o la stesso quaderno e penna con cui stai scrivendo questi appunti.

Possono sembrare delle banalità invece è proprio una buona abitudine e vedrai che le cose se prima potevano avere un verso sbagliato, ora quelle stesse cose possono essere meravigliose e ne sei grato. Per esempio hai litigato con tua moglie? Magari fino adesso ci rimuginavi e portavi rancore. Se sei grato di quella litigata ti rendi conto che può essere un’occasione per chiarirsi di certi aspetti e per fare poi pace e rinforzare ancora di più il vostro rapporto, vedi come cambiano le cose?

Poi una volta che hai fatto questo magari tua moglie quando sei tornato a casa dal lavoro ti ha preparato il dolce di cui sei tanto goloso e questo ti ha reso ancora più felice e insieme festeggiate e passate una splendida serata a ….XXXX Censura 🙂

Ora ho voluto sdrammatizzare ma è proprio cominciando dalle piccole cose che poi si apprezzano quelle più grandi e riesci poi a vedere quelle occasioni che prima magari non vedevi perchè troppo impegnato ad imprecare per la vita magra che hai senza renderti conto che c’è sempre qualcuno che sta peggio di te, come c’è sempre qualcuno che sta meglio di te.

Devi solo imparare a dare il giusto valore a ciò che hai e che ti capita e decidere se ringraziare e stare sempre meglio oppure imprecare ed essere sempre più triste.

Lo so a volte può sembrare difficile ma se mai cominci mai vedrai risultati!

Stay tuned

Ti è piaciuto questo post? Lascia un tuo commento.


Vuoi rimanere sempre aggiornato sui miei articoli?
Iscriviti alla mia newsletter!!!

Ricevi 2 magnifici bonus in omaggio

3 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *