, ,

Sei capace di perdonare?

Sei capace di perdonare? A volte me lo sono chiesto e mi sono reso conto che tante volte il rancore o la rabbia prevalgono e rovinano rapporti che magari andavano bene solo perchè si è fatto qualche errore sia consciamente che inconsciamente.

Ma il vero ostacolo spesso è saper perdonare se stessi, si proprio così, sapersi perdonare ed amarsi per quello che si è con tutti i difetti che abbiamo. Magari in certe situazioni di stress e ansia ci ritroviamo a fare errori di valutazione, o ci costringiamo a fare cose che non amiamo per niente fare o che pensiamo che possano fare soffrire qualcuno.

Questo genera in noi dei sensi di colpa che a livello energetico sono dei blocchi, degli aggregati di energia negativa che bloccano il fluire delle energie e pensieri che sono dentro di te e fanno creare la realtà che vivi. Immaginali come dei vortici, dei buchi neri che prendono qualsiasi cosa che passa e lo distrugge e disperde. Un pò come un tritatutto, l’esempio calza? 🙂

Bene prova ad immaginare quanti di questi vortici hai creato nella tua vita e poi immagina il tuo desiderio il tuo sogno che passa in mezzo a questi vortici…come pensi che arriverà alla fine del percorso? Questo secondo me è uno dei motivi per cui tanti dei nostri sogni non si realizzano, è un pò come se vengono consumati da tutti questi sensi di colpa, convinzioni limitanti e  paure.

Puoi immaginare quanta energia e motivazione rimane al tuo desiderio se molte di questi vortici risucchiano il tuo desiderio.

Ma come faccio a evitare questa cosa? La prima cosa da fare è perdonare se stessi, sì proprio così, anche io ero scettico ma quando ho cominciato a perdonare me stesso le cose hanno cominciato a cambiare e a fluire in un modo diverso e verso una direzione che non mi sarei neanche aspettato.

Lo sò che non è facile e che può sembrare un’ostacolo insormontabile, ma a volte ci si fa solo del male perchè si pensa di non meritarsi che quello e ci si autopunisce con sofferenza che ci creiamo da soli. Non ci credi? Basta osservare quello che hai creato fino adesso, con un occhio più neutro… ti accorgerai che tante cose sono pippe mentali che ti sei creato proprio perchè hai fatto errori e ti senti in colpa per questo, ma non ti sei riuscito ancora a perdonare.

Prova, fai questo sforzo cosciente, e poi dimmi cosa provi…io sono qui ad aspettare che condividi con me la tua esperienza.

Stay tuned

4 commenti
  1. Roberto Merlo
    Roberto Merlo dice:

    Ciao Marco
    complimenti
    un post molto molto bello che tratta un tema a me particolarmente caro -Il Perdono-
    Il saper perdonare e il saper perdonarsi diventa un punto di partenza essenziale per quello che può essere veramente un ‘cambio di vita’.
    Siamo cresciuti in una società in cui il senso di colpa svolge un ruolo notevole e, consentimi il termine, “rovinante”.
    Quante occasioni sprecate, quante opportunità volate via per l’incapacità di saper usare ‘il perdono’.
    Il perdono si collega con un altro concetto base, e cioè quello dell’-importanza- che tendiamo e vogliamo costantemente darci.
    E che, senza esserne consapevoli, ci trascina in un vortice di competitività, di sofferenza, di sfide ‘negative’ che lasciano il tempo che trovano…
    Grazie Marco

    Rispondi
  2. dioneah
    dioneah dice:

    Salve, mi sono appena iscritta, non ho potuto ancora leggere tutto, ma sono felice di aver trovato gente che condivide questo percorso di crescita interiore. 
    Volevo fare una domanda, anzi… vorrei chiedere un consiglio, come posso perdornarmi? non so cosa fare per perdonarmi, il senso di colpa mi blocca, qualcosa mi deve aver segnato in passato, ma non riesco a ricordare cosa di preciso, vagamente ricordo il periodo, l'inizio di alcuni miei problemi, ma non so la causa quale sia stata, non so come perdonarmi, dovrei fare qualcosa in particolare per ricordare? se non ricordo l'episodio non posso accettarlo e lasciarlo andare? penso che se non supererò questo stadio non potrò attrarre a me ciò che desidero.
    Vi ringrazio in partenza per l'attenzione, e per la creazione di questo sito, cordiali saluti Dioneah.

    Rispondi
    • Marco Ferraro
      Marco Ferraro dice:

      Dioneh un buon modo per perdonare è la tecnica dell’Ho’oponopono ne parla Sandro Flora in questo articolo se vuoi saperne di più ti consiglio di andare sul suo sito. L’ebook che vedi sotto però non è più disponibile. Leggendo il tuo commento ed adoperandomi a risponderti mi sono accorto che c’è ancora il form per scaricarlo ma non è più attivo.

      Un caloroso saluto
      Marco Ferraro

      Rispondi
  3. dioneah
    dioneah dice:

    Ciao Marco, grazie per avermi risposto… si, mi sono informata sulla tecnica dell' Ho’oponopono, e ho letto che non occorre interrogarsi sul problema, da dove è venuto, dal perchè si è presentato, ma basta applicare quella tecnica per ripulirsi. Il problema che più mi affligge, forse è il caso di essere più precisa, è il sovrappeso, il punto è che sono arrivata a capire che io mi sto punendo in questo modo, ma non riesco a capire perchè e non so per cosa devo perdonarmi, e così mi porto dietro questo macigno da circa 4 anni, o meglio… da quattro anni questo problema si è intensificato, ovviamente mi sono mossa per risolverlo in modo pratico, ho fatto diverse diete, mi sono rivolta ad un'ottima nutrizionista, ho anche iniziato a correre, e l'ho fatto per mesi, poi determinati eventi nella mia vita mi portano a sprofondare a farmi del male, così tornavo preda di questo problema, non so bene come definirlo, un nutrizionista mi disse che era una forma di bulimia; sto cercando in tutti i modi di venirne fuori, ho intrapreso questo cammino proprio per questo motivo, non ne potevo davvero più, mi sento preda di questo mostro che è dentro di me, di questa parte oscura che continua a farmi del male. Ora mi sono anche rivolta ad una psicologa, mercoledì ho l'appuntamento con lei. Per questo ti ho posto quella domanda… 
    Grazie.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *